Gratitudine

Sento per tivù parlare del “Premio Gratitudine” e la stessa parola “Gratitudine” mi bendispone. È consegnato alla signora Maria Franca Ferrero, vedova di Michele Ferrero, da parte della Fondazione Ospedale Alba Bra Onlus “per aver nutrito le radici affettive del nostro territorio”. Il Premio Gratitudine, istituito nel 2016, è una giornata importante per promuovere e diffondere la cultura della donazione. È risaputo che la nota industria dolciaria Ferrero ha il suo più grande stabilimento italiano ad Alba (Cuneo), il secondo più grande stabilimento dolciario d’Europa, con varie migliaia di dipendenti. Il prodotto più venduto è la Nutella: chi non la conosce? Ma anche Ferrero Rocher, Kinder Gran Sorpresa sono dolci noti al pubblico di grandi e piccini. Introduco a questo punto un dato personale che riguarda mio padre Arcangelo, rappresentante della Ferrero negli Anni Sessanta. Chiamato anche il comaro perché marito della levatrice, mia madre, soprannominata comare, era rincorso dai ragazzini per avere in dono una manciata di caramelle. Una foto sua mi ritrae col grembiule di prima elementare davanti al camion di rappresentanza con le bande marroni su fondo crema. Di certo quel lavoro a contatto col pubblico gli piaceva, perché vinse anche una targa come “venditore primatista”. Il prodotto che forniva alle botteghe/negozi era costituito da cioccolatini, caramelle, bonbon…per addolcire qualunque ricorrenza. Ed io non ne ero estranea. Nel mio romanzo UNA FOGLIA INCASTONATA NEL GHIACCIO (disponibile su Amazon) racconto come, a sei anni, insieme con la mia amichetta Norina riuscivo a manomettere dal fondo il sacco grande di caramelle (probabili cinque chili) per rifornirci gratis! A proposito di gratitudine, Madre Teresa di Calcutta, nei suoi consigli “Per essere felici in 7 passi”, al punto 2 raccomanda: “Coltiva la gratitudine”: lo dice una persona carismatica, Nobel per la Pace nel 1979, Beata nel 2003, Santa nel 2006. Nessun dubbio che valga crederLe!

7 pensieri riguardo “Gratitudine”

  1. Essere grati alla vita per quello che ci ha dato e ci darà ,in questo periodo della mia vita sento di ringraziare il Padreeterno per essere arrivata ai 60 anni ,seppur con i miei problemi di salute che curo ogni giorno .Invece la mia cara amica Placida se né andata nel luglio del 1998 ,dopo mille sofferenze e giusto stamattina le ho fatto una visita in cimitero e guardando la sua foto ho ripercorso gli anni della mia gioventù assieme a lei.Purtroppo però lei se n’ è andata troppo presto.Chissa’ quante cose potevo condividere con lei se solo Dio non l’ avesse chiamata a sé .Per questo sono grata a Dio ogni giorno della mia vita.Amen!!!🙏🙏🙏

    Piace a 1 persona

  2. Brava, Lucia: il tuo commento è una preghiera di ringraziamento, che ne suggerisce altre, anche alla sottoscritta. Mi spiace molto per la tua amica Placida (bel nome) che mi ricorda Marta e Zulay…senza dimenticare Gianna! Dobbiamo valorizzare l’oggi ed evitare di piangerci addosso, ringraziando il Padreterno di esserci ancora. Buon pomeriggio, a risentirci!

    Piace a 1 persona

  3. Anch’io sono cresciuta con i grazie che mia mamma diceva a tutti ,anche per piccole cose.A volte mi tocca fermare i ripetuti grazie di Marina,la signora- amica che mi aiuta da anni nei lavori di casa.Non costa niente dire grazie e vale tanto.

    Piace a 1 persona

  4. Gratitudine vuol dire anche andare a trovare mio figlio incontrare mio nipote di 15 anni, fare mangiare una speciale carbonara, una fetta di dolce comprata strada facendo, €100 di omaggio per la sua vita, portato a cambiare camere d’aria e copertone della vespetta 50 che è ancora la mia di quando avevo 16 anni, e sentirsi dire più volte grazie nonno … anche tutto questo va premiato come gratitudine Spero proprio di sì, dare senza chiedere è la cosa più bella

    "Mi piace"

  5. Gratitudine vuol dire anche andare a trovare mio figlio incontrare mio nipote di 15 anni, fare mangiare una speciale carbonara, una fetta di dolce comprata strada facendo, €100 di omaggio per la sua vita, portato a cambiare camere d’aria e copertone della vespetta 50 che è ancora la mia di quando avevo 16 anni, e sentirsi dire più volte grazie nonno … anche tutto questo va premiato come gratitudine Spero proprio di sì, dare senza chiedere è la cosa più bella….

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: