Ennio

Ho visto in anteprima Ennio, il film documentario di Giuseppe Tornatore, dedicato a Ennio Morricone. È una specie di biografia in musica che ripercorre la vita e le opere del compositore, dall’esordio fino al premio Oscar, con interviste, registrazioni, spezzoni tratti da alcuni film e filmati vari: due ore e 47 minuti emozionanti che consentono di rivedere opere del passato e apprezzare l’eccezionale bravura di Morricone. Curioso che da ragazzo pensasse di fare il medico, ma il padre trombettista lo avviò al conservatorio, dove Ennio capì quale sarebbe stata la sua strada. Autore di circa 500 colonne sonore, personalmente trovo esaltante quella composta per il film Mission (1986), eccezionale anche per la storia. Avere lavorato per il cinema, gli procurò critiche tanto che fu riabilitato tardi e non credeva avrebbe vinto l’Oscar. Commovente la cerimonia della consegna, dalle mani di Clint Eastwood – altro grande vecchio – quando Ennio dedica la statuetta alla moglie Maria, la sua prima critica e sostenitrice. Dalle testimonianze, egli scriveva musica in una specie di stato di grazia, come se la vedesse nella testa prima di trasferirla sul pentagramma, riuscendo a combinare nello stesso brano musica classica e moderna. Ovvio che fosse tenuto in gran conto da vari produttori, suscitando le invidie di qualcuno. Di temperamento tenero ma determinato, era al di sopra delle maldicenze. Lo si deduce anche dallo sguardo, mite e profondo. Perché lui è la voce narrante dell’opera e fa compagnia allo spettatore per buona parte del docufilm. Alla fine del quale si esce con l’impressione di essere stati in compagnia di una persona veramente geniale.

Mattarella bis

“Se serve ci sono”: queste le parole di Sergio Mattarella, presidente uscente…rieletto alla ottava votazione, risoltasi all’ora di cena verso le 20.20 di sabato 27 gennaio 2022. Segue un lungo applauso al raggiungimento del quorum dei 505 voti richiesti. Mi spiace per il Presidente che aveva il legittimo diritto di riposarsi ed invece generosamente si rimette in gioco, per salvare il salvabile di un Parlamento scombinato che nei sei precedenti giorni non ha dato segni di ragionevolezza. Gli auguro di cuore di non pentirsi di sacrificarsi nuovamente per la “ricucitura” politica. Certo lui è una garanzia, votato con 759 preferenze; tra l’altro ha superato i voti ricevuti nella votazione per il precedente settennato ed è il presidente più votato dopo Sandro Pertini. Cinque minuti di applausi. Comunque le forze in campo dovranno rimboccarsi le maniche, non basta scaricare su di lui le difficoltà di governare il Paese. Ho seguito la diretta su Rai1 e mi sono emozionata all’annuncio, un misto di orgoglio e di pena…mi sarebbe piaciuto un presidente donna, succederà nel prossimo futuro. Per ora è consolatorio che sia andata così. Intanto arrivano le congratulazioni dal resto d’Europa. Bello seguire il viaggio verso il Quirinale nella notte romana. Il rieletto Presidente ringrazia, sottolineando il momento difficile che impone di non sottrarsi agli impegni, forse emozionato e probabilmente preoccupato. Date le premesse e quello di peggio che sarebbe potuto succedere, sono rasserenata dal risultato e onorata che Sergio Mattarella sia di nuovo il Presidente di tutti gli italiani. Forza e coraggio, Presidente! Auguri di cuore!

Una “romantica” trovata

Quando sono dalla parrucchiera, sotto il casco leggo, oppure scrivo. Stamattina ho lasciato a casa il tablet in carica e mi dedico alla lettura del quotidiano la Repubblica di ieri, dimenticato in macchina. Trascuro le prime pagine dedicate alle ormai note e stancanti vicissitudini parlamentari e mi soffermo su un articolo curioso a pag15, di Gianluca Modolo: Il capo come Cupido, il noto dio dell’amore. In Giappone è la app a cercare l’amore tra colleghi d’ufficio. La creatrice China Toyoshima, 36enne di Tokyo, grazie all’intelligenza artificiale stabilisce la compatibilità della futura coppia, favorendo contemporaneamente la crescita dell’azienda. Da considerare che il progetto è stato pensato e realizzato in un tempo complicato dalla pandemia che rende tutti più tristi e distanti. Verrebbe da dire “magnifico”, se non fosse per l’invadenza della tecnologia perfino nelle pieghe più intime delle persone. Insomma, una specie di agenzia matrimoniale sul posto di lavoro per favorire incontri…a chilometro zero. L’ app è già stata scelta dalla Mitsubishi e da altre compagnie, al fine “di rendere i dipendenti felici e di aumentare la produttività sul lavoro”. Se fosse adottata anche da noi, non so cosa ne nascerebbe: di sicuro confusione, ambito in cui siamo campioni. I giapponesi sono molto più obbedienti e ordinati di noi, sempre col fuoco dentro. Può essere che l’app da loro funzioni. C’è anche un preoccupante risvolto statistico: il numero dei matrimoni in Giappone è diminuito del 12,3% e le nascite del 2,8%. Anche da noi i dati sono preoccupanti. Tuttavia mi limito a sorridere, considerando l’aspetto romanzesco della trovata. In ogni caso, per ora i pensionati sono esclusi.

Importanza dei fiori

Oggi sono a corto di notizie, nel senso di buone notizie. Non voglio dare spago alla votazione presidenziale che arranca e colgo l’invito di Pia a parlare di fiori. “Racconta un fiore, il suo profumo, il suo colore. Abbiamo bisogno di fiori”, chiede la mia amica. Già, ma quali, considerata la stagione di riposo vegetativo… finché immagino la copertina del mio futuro libro cui ho dato il titolo DOVE I GERMOGLI DIVENTANO FIORI. Giusto ieri ho inviato tutto il materiale in tipografia, grazie all’aiuto prezioso di Manuel, ivi compresa la foto del dipinto intitolato RURALITÀ POETICA, opera del mio amico Noè Zardo: il fianco di un bianco edificio che potrebbe essere la scuola, accanto un cipresso che simboleggia il maestro, un campo a papaveri che richiama gli scolari, attiguo ad un altro di grano dorato, che allude al raccolto sia materiale che intellettuale. Un quadro simbolico e poetico che rende bene l’idea del sacrificio fruttuoso, che si impara sui banchi di scuola. Del resto Leonardo da Vinci diceva che la pittura è una poesia muta, pensiero che condivido. Dedico il lavoro al mio maestro di quinta elementare, Enrico Cunial, conosciuto anche come Rico Croda che ha incoraggiato la mia attitudine a scrivere fin da bambina. Egli ha rivestito diversi ruoli importanti a Possagno, dove vivevamo entrambi, dimostrandoci alla prima occorrenza reciproca simpatia. Scrivere su di lui mi ha consentito di fare un viaggio nel passato, recuperando persone che non ci sono più, ma anche di riallacciare contatti con ex compagni di scuola, o giù di lì, nel senso più grandi o più piccoli di me. Adesso sarà compito della nota tipografia kappa2 di Loria dare al prodotto la visibilità che merita. Conto di presentarlo prima dell’estate. Quando altri fiori saranno sbocciati, anche quelli del mio giardino, che coglierò per farne colorati e profumati bouquet.

Giornata della Memoria

Non so come onorare questa Giornata della Memoria. Non voglio essere ripetitiva o peggio retorica. Il silenzio mi sembra più adatto di tante parole, per ricordare le vittime delle persecuzioni razziali, ma qualcosa devo pur dire. Cerco tra i libri di scuola uno stimolo, un appiglio… finché l’occhio mi cade sulla borsa di cuoio impolverata che mi portavo a scuola durante gli esami, con i lavori svolti dai miei studenti. Estraggo un giornalino intitolato PENSIERI D’INCHIOSTRO, decorato in copertina da un pennello appoggiato su una tavolozza per pittura. Lo sfoglio e trovo una pagina dedicata nientemeno alle recensioni sui romanzi letti, cinque, uno dei quali è STORIA DI ANNA FRANK, proprio quello che fa al caso mio, non il Diario di Anna Frank, ma una rivisitazione del suo famoso diario, con l’aggiunta di informazioni storiche ed altri dati. Scorro l’indice del fascicolo e in fondo c’è l’elenco della classe, 24 alunni che sono oggi giovani adulti (era il 2009). Ne nomino alcuni: Omar, Edoardo, Benedetta, Gloria, Princesse…Farouk, Marcello, Filippo, l’ultimo dell’elenco, con le firme autografe sulla penultima pagina. Riporto la recensione perché merita: “L’argomento fondamentale è rappresentato dalle vicende personali di Anna durante la segregazione, dovuta alle persecuzioni razziali. È il 1933 e la famiglia Frank lascia la Germania per l’Olanda, che però il 10 maggio 1940 viene invasa dai nazisti. Nell’alloggio segreto dietro a dei magazzini, Anna scrive il suo libro, dedicandolo a un’amica immaginaria, Kitti. Seguono la deportazione e la morte nel marzo 1945”. Una soddisfazione leggere questo omaggio in prosa a una vittima dell’antisemitismo, in rappresentanza di sei milioni di morti. Con la speranza che gli autori della bella recensione non se la siano dimenticata.

Brutta pagina di cronaca

“Costruire una società basata su valori sani”: parole di Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica di Roma, intervistata sull’increscioso episodio di antisemitismo ai danni di un 12enne, aggredito a calci sputi e parole da due ragazzine. Succede a Campiglia Marittima in provincia di Livorno, domenica poco dopo le 18 in un parco comunale, a ridosso della Giornata della Memoria. Autrici dell’aggressione due adolescenti di sesso femminile, genere ritenuto particolarmente sensibile. Anche il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi si dichiara addolorato e richiama tutti all’impegno quotidiano nell’educare le nuove generazioni “al rispetto e al rifiuto di ogni forma di violenza e discriminazione”. Come non condividere questo accorato appello? La comunità ebraica di Livorno, una delle più importanti d’italia, è sotto choc. Tristezza constatare che succedano ancora queste cose, dopo tutto il male versato subìto ignorato e perfino negato! Chissà cosa passava per la testa delle due quindicenni e chissà cosa ci mettono, dentro la testa. Intanto bene ha fatto il padre del ragazzino aggredito a denunciare l’episodio ed altrettanto i media a darne conto. Mi auguro che le responsabili dell’aggressione vengano adeguatamente coinvolte in una punizione utile a farle rinsavire. Sospetto che dietro ci siano carenze varie (perfino troppo facile pensare di natura familiare e/o scolastica), ma la responsabilità dell’episodio ricade in primis nelle ragazze che, data l’età dovrebbero essere in grado di intendere e volere. Vero che spesso anche gli adulti peccano di giudizio…ma evitiamo di giustificare sempre e di soprassedere.

Conversione di San Paolo

Oggi 25 gennaio il calendario riporta la conversione di San Paolo, ex Saulo di Tarzo, data che considero l’onomastico di mio figlio che si chiama Saul, nome non scelto a caso: infatti significa desiderato ed è stato portato dal primo re degli Ebrei, dal Nobel per la letteratura Saul Bellow, oltre ad essere il titolo di una tragedia dell’Alfieri. Insomma, a suo tempo pensai molto a scegliere un nome speciale per me, come suppongo sia ogni figlio per la propria madre. Tra l’altro, oggi è il compleanno della mia parrucchiera di fiducia, la dolce Lara, a cui rinnovo gli auguri attraverso questo canale. Ma della ricorrenza sul calendario mi attrae anche la parola conversione, che deriva dal latino conversio e significa trasformazione, cambio direzione: ciò che mi auguro succeda sia a livello sanitario, con la decrescita della asfissiante pandemia, sia a livello politico-istituzionale. Mi riferisco alla elezione del Presidente della Repubblica, iniziata ieri senza successo. Chissà se in settimana sapremo chi sarà, uomo o donna, purché di alto profilo, competente e in grado di rappresentarci in Europa. Comprendo la risoluzione di Sergio Mattarella a non ricandidarsi, tuttavia sembra che si ripeta in Italia, Paese assai poco governabile il disagio lasciato da Angela Merkel in Germania. Spero di ricredermi, d’altronde non faccio politica e la seguo q. b. (quanto basta) come nelle ricette. Solo che per governare, non ce ne sono di pronte.

Dura lex sed lex

Snack Bar Milady di Fusarini Diego e Anna Serena ? D’abitudine destino il lunedì alla spesa, e talvolta al mercato di Fonte (che frequento anche di giovedì in paese) rivisitato stamattina. L’artrosi e il successivo intervento mi avevano privato di questo piacere per un paio di mesi. Riconosco che recuperare certa normalità è un toccasana, perché l’obiettivo principale non è la spesa e nemmeno la consumazione al tavolo, ma lo scambio di pensieri. Così vengo a sapere da Diego, il titolare, che ieri ha preso la multa perché non ha chiesto il green pass a un avventore, tra l’altro fuori del locale e intenzionato a consumare: multati entrambi! Dura lex sed l’ex. Perciò mi chiede di esibire il mio lasciapassare, notando che non ho più la stampella e mi sono furtivamente impossessata del Corriere, che decido di leggere in un rientro della sala, scomodo (perché difronte a un ripostiglio) ma isolato, così non sarò disturbata. Qui la clientela si rinnova velocemente e talora rumorosamente. Dopo pochi minuti mi arriva il cappuccino con il decoro floreale sulla schiuma e la fragrante croissant, tiepida al punto giusto. Data la confidenza, chiedo a Diego l’ammontare della multa: € 280 pagando subito. Beh, mi spiace! Io sono tranquilla e anche confortata che lui si sia adeguato da bravo cittadino, senza fare storie. Le punizioni servono a migliorare, non a incattivirsi. Poi mi dirigo al mercato poco distante e passo in rassegna alcune bancarelle, privilegiando quella dei fiori dove predominano primule, giacinti e tulipani: un piacere per gli occhi e per l’animo! L’acquisto è inevitabile e gratificante.

Non è mai troppo tardi

A proposito di talenti, ho seguito con interesse il programma The Voice Senior, condotto da Antonella Clerici in prima serata sul Rai1, conclusosi sabato 21 con la finalissima e la proclamazione del vincitore, il talentuoso Annibale Giannarelli, che era anche il mio favorito. Musicista e compositore di 73 anni, originario di Fivizzano (Massa Carrara), quindicenne si trasferisce in Australia con i genitori. È tornato nel suo paese natale circa due anni fa, con la musica sempre nel cuore. Compositore di colonne sonore, interpreta brani musicali con straordinario trasporto, esibendosi contemporaneamente al pianoforte, come sabato scorso quando ha cantato Nell’immensità, di Don Backy. All’annuncio della vittoria, si è commosso come un bambino, complimentato dai compagni di squadra e dagli organizzatori del programma. Dietro la meritatissima vittoria, ho immaginato il passato da emigrante, i sacrifici e le rinunce anche in ambito professionale che avranno costellato il suo percorso. Il merito del programma, oltre a fare emergere talenti in età avanzata – il che è confortante – sta nel presentare in sintesi la vita degli artisti, sacrificata a tutt’altri ruoli, per esigenze personali e/o familiari. Ma il talento alla fine trova il modo di manifestarsi, cosicché non è mai troppo tardi. Il programma incoraggia a mettersi in gioco anche quando l’età non è più evergreen, perché “Finché c’è vita c’è speranza”. Del resto è capitato a più di qualche personaggio noto di diventare famoso in età avanzata, senza contare che fama e talento non sono la stessa cosa. Insomma, ben vengano programmi incoraggianti che danno spazio a chi ha da dare emozioni positive.

Meglio prevenire che curare

Mi piacerebbe scrivere più spesso storie a lieto fine, ma in cronaca abbondano quelle dure, alcune magari evitabili. Come quella capitata alla ragazza incinta morta di covid, non vaccinata; salvato il neonato. Succede a Roma e la giovane 28enne era ricoverata al Policlinico Umberto I dallo scorso 7 gennaio per difficoltà respiratorie, complicatesi nel corso della degenza. Sottoposta a parto cesareo d’urgenza, il neonato alla nascita pesava kg. 1,8: uno scricciolo che vuole vivere. Mi fa molta pena lui che lotta per la sopravvivenza pur senza la mamma, pietà per lei con una punta di rammarico perché se si fosse vaccinata, come da indicazioni dall’unità di crisi della Regione Lazio, sarebbe viva e si potrebbe godere il suo bambino. Altre giovani mamme l’hanno seguita in questa disavventura angosciosa ed angosciante. Penso anche ai padri rimasti vedovi, ai genitori orfani di una figlia, forse ad altri figli più grandicelli privati della madre. L’idea della morte improvvisa ed accidentale aveva sfiorato anche me al tempo della gravidanza. Essendo nubile, avevo voluto cautelarmi, nel caso la signora con la falce mi avesse fatto visita. Andai da un avvocato per informarmi sul da farsi e firmai un documento dove riconoscevo il figlio che sarebbe nato…prima della nascita. Col senno di poi, lo stratagemma può fare sorridere e sembrare eccessivo, ma allora mi sembrò la cosa giusta da fare, per prevenire ipotetiche intromissioni della malasorte. Vero che la nascita viene chiamata lieto evento. Quasi sempre è così, ma purtroppo non sempre. Inoltre ritengo sia giusto dare credito alla comunità di scienziati che da molti mesi si arrabatta per limitare i danni della pandemia. Il problema sussiste, le vittime del covid sono ancora molte. Ma molti sono quelli che il problema l’hanno superato. Anche evitato, vaccinandosi.