Sentimento alla base di tutto

Ci sono delle notizie che lasciano di stucco: come quella data in tivù riguardo la nascita di Alessandra, la prima bimba nata in Italia da un utero trapiantato (la sesta al mondo). La donatrice – che si chiamava Alessandra – era una 37enne deceduta per arresto cardiaco, mentre la ricevente è una 31enne nata priva di utero: miracolo della scienza e del coraggio. Finora sono stati realizzati con successo due interventi presso il Centro trapianti del Policlinico di Catania, previa autorizzazione del Consiglio superiore di sanità. Al momento, in lista d’attesa ci sono 5 donne (tra i 18 e i 40 anni). La notizia mi suscita ammirazione e preoccupazione. Certo il desiderio di maternità deve essere enorme, per sottoporsi alla trafila lunga e complessa per rendere l’organo ricevuto funzionante. Mi nasce spontanea una prima domanda: non sarebbe stato più semplice ricorrere all’adozione? Pesco la seconda nella memoria, quando mio figlio – allora di circa 6/7 anni mi chiese se è possibile trapiantare l’anima. Allora rimasi di stucco e finora non ho trovato una risposta convincente. Tuttavia credo che qualcosa succeda quando i sentimenti tra due persone sono ben radicati e profondi. Ovviamente faccio tanti auguri a mamma e figlia, sperando che il come è stata custodita la neonata Alessandra per nove mesi non influenzi negativamente la sua crescita. Perché il bello viene dopo, inteso come processo di crescita, allevamento ed educazione. Conosco persone senza figli perfettamente realizzate ed altre con figli in perenne ansia… e viceversa. A mio dire, il tema della prole in Italia è ancora legato alla precedente società agricola, che aveva bisogno di braccia e a un’idea di famiglia che si è venuta sgretolando nel tempo. Non mi sorprende il calo delle nascite in Italia e nel mondo occidentale, in considerazione anche del fatto che cominciamo a stare stretti sul pianeta Terra (secondo le stime dell’ONU, nel 2021 abbiamo superato quota 7 miliardi e 900 milioni). Per quanto mi riguarda, decidere di diventare madre – in subordine single – è stata la scelta più coinvolgente e impegnativa della mia vita; comprendo chi sente l’urgenza di farlo e comprendo chi non se la sente, perché non siamo tutti uguali. Per accorciare le distanze tra i due ambiti, mi preme sottolineare l’importanza del sentimento – profondo e autentico – che sta alla base di qualunque relazione vitale.

4 pensieri riguardo “Sentimento alla base di tutto”

  1. Il fatto è che quando abbiamo la spinta di avere un figlio, dobbiamo essere sinceri con noi stessi !!! La necessità è più riversa al desiderio personale nella meraviglia di avere un figlio nostro e non un figlio che rappresenta una persona completamente diversa, un bambino da crescere e seguire e non un umano che diventerà uomo/a e avrà davanti tutte le problematiche che comporta. La gioventù è una fase meravigliosa ma dopo se la società ed il mondo , come sta succedendo, è molto difficile si mette al mondo più sacrificio che bellezza. Bisogna pensare a questo secolo, completamente diverso dai secoli del passato, che dobbiamo lasciare agli altri, quelli che già ci sono, la possibilità di sopravvivere. Credo che se i bambini sono meno numerosi potremmo occuparci meglio di loro e questo non vuol dire non essere religioso o pensare al nostro benessere ma secondo me mostrare amore verso il regalo della vita nel suo complesso.

    Piace a 1 persona

    1. Molto bello il tuo commento, che condivido. Mettere al mondo bellezza, pur con sacrificio sarebbe bellissimo. Credo che sia indispensabile una autoanalisi prima di compiere il grande passo, perché il ruolo di genitore, una volta assunto, non si smette più (anche se si allentano le responsabilità). Grazie del contributo, buon pomeriggio!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: