Se il soggetto c’è, il resto vien da sé

Vado a Bassano, in giorno di mercato. Un rapido giro per le bancarelle della piazza e poi punto alla biblioteca, un tempo meta fissa per ricerche e letture. L’emeroteca sulla destra entrando, mesi fa era un accogliente studio aperto dove persone adulte e oltre si trovavano a sfogliare quotidiani in silenziosa compagnia. Chi era frettoloso, chi ci metteva ore, ognuno aveva il suo tempo. Se trovavo il quotidiano prescelto occupato, prendevo una rivista dall’espositore e mi accomodavo sulla poltroncina di pelle bianca, curiosando tra le pagine amene, in attesa che arrivasse il mio turno di lettura. Stamattina ho rilevato che quella stanza è stata dismessa ed è attualmente adibita a deposito libri: che tristezza, ci sono i libri ma mancano i lettori in carne e ossa! L’effetto covid ha azzerato abitudini piacevoli che vorremmo riprendere. Non è lo stesso applicarsi in solitudine da casa. Voglio sperare che la pandemia, finalmente nauseata dalle nostre rinunce, si dissolva e ci consenta di tornare a vivere non come prima, ma se possibile meglio. Poco distante dalla biblioteca, c’è la scuola elementare Giuseppe Mazzini, che di lotte se ne intendeva. Ci passo davanti e mi colpisce all’ingresso un bellissimo ibisco rosa in avanzata fioritura, con decine e decine di fiori violetti caduti a fargli da tappeto. Anche il tronco è interessante, i rami sembrano aperti in una sorta di confortevole abbraccio della sovrastante fioritura. Vabbè, lo ammetto, in certi momenti mi sento ispirata. Se il soggetto c’è, il resto vien da sé.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: