Discutibile protesta di una giusta battaglia

Sentii la celebre massima “Il fine giustifica i mezzi” al Liceo, attribuita a Macchiavelli (ma pare che lui non l’abbia mai scritta) che su due piedi non compresi a fondo, forse anche adottandola in qualche alterco privato. Ora torna ‘utile’, per dare un senso all’operato degli attivisti ambientalisti che imbrattano le opere d’arte, al fine di attirare l’attenzione sulla crisi climatica, fenomeno globale sottostimato. Gli ultimi due casi a Roma (Van Gogh) e Madrid (Goya) e chissà se ci sarà un seguito, perché l’emulazione è dietro l’angolo. Ho appena letto l’intervista ad una attivista che non si capacita dell’indignazione suscitata dall’azione dimostrativa sui famosi dipinti, a scapito della fame causata nel mondo dalla siccità e fenomeni paralleli. Va precisato che le opere, protette dal vetro non sono state danneggiate dal lancio di purè, zuppe e quant’altro… forse la cornice in un caso. Il punto è un altro: è lecito usare l’arte, patrimonio di tutti per azioni dimostrative? Mi sforzo di comprendere le ragioni degli ambientalisti, ma è il concetto di bellezza che viene infangato. Penso alle emozioni che stanno dietro e davanti a un’opera d’arte, alla vita dell’artista e a chi ne usufruisce, sollevandosi dal quotidiano grazie ad essa. Quindi mi dissocio senz’altro dalla suddetta forma di protesta, perché l’arte è patrimonio di tutti e non va strumentalizzata per nessun motivo, anche se determinato da legittima indignazione. Ci saranno altre strade da percorrere, con pazienza e tenacia. Lasciamo dormire sonni tranquilli ai capolavori e anche ai direttori dei musei che sovrintendono alla conservazione delle opere d’arte, che essendo immortali non hanno bisogno del pranzo!

2 pensieri riguardo “Discutibile protesta di una giusta battaglia”

  1. Concordo con te Ada perché prendersela con le opere d’ arte ? Che colpe hanno ? Non riesco a capire questo tipo di proteste !! Sono indignita di tutto ciò!!! 😔😔😔

    Piace a 1 persona

    1. Già, indignazione comprensibile! Chissà che gli ambientalisti escogitino altre forme di protesta, perché l’arte non ha colpe. Grazie del commento sempre puntuale e gradito, buon resto di giornata 🌻

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: