Una donna coraggiosa

Osservo al computer la foto di Marianna Triasko, la 37enne Ucraina residente a Villorba, morta in combattimento nel proprio Paese. Sposata con un italiano e madre di due figli di 10 e 14 anni, quando è iniziato il conflitto è tornata in Ucraina: era un medico militare. Bionda, capelli medio-lunghi, sguardo dolce. La sua vicenda mi sembra una beffa del destino: da una parte la preserva dalla guerra, mentre sta in Italia, dall’altra la risucchia in patria dove muore. “Voleva essere utile ai nostri militari e all’Ucraina”, ha raccontato una sua amica. Infatti non ha esitato a lasciare tutto e partire, appena appreso che c’era carenza di personale medico nella sua terra d’origine. Mi colpisce la sua qualifica di medico militare che ha sicuramente influito sulla sua ultima decisione: servire il Paese in guerra, alimentato da uno spirito di servizio al di sopra di tutto, anche degli affetti privati. Personalmente ammiro molto il suo coraggio e mi rattrista la sua fine che va ad allungare la lista delle vittime cadute finora, da quando è iniziato il conflitto lo scorso 24 febbraio. Per la nostra cultura la famiglia viene prima di tutto e suppongo che ci sia chi si discosta dalla scelta di Marianna, ucraina sposata a un italiano e madre. Ma oltre a questi ruoli, era una persona con valori che sono sfumati nel nostro mondo agiato e che andrebbero riconsiderati. La mia formazione e la mia sensibilità mi consentono di dire ai familiari (lascia anche due sorelle e la madre) che ha fatto la scelta più congeniale al suo spirito. Pertanto va rispettata e ricordata come una che non si è tirata indietro difronte al pericolo di morire. Possano i suoi figli esserne orgogliosi.

6 pensieri riguardo “Una donna coraggiosa”

    1. Brava Adry, anche se in malattia la testa ti funziona benissimo! Credo che ci vorrebbe un po’ di disciplina dall’infanzia, magari non proprio di tipo militaresco ma tale da recuperare…il nocciolo della questione! Rimettiti in salute e riposati, grazie del contributo! 🌻

      "Mi piace"

  1. Sicuramente i figli saranno orgogliosi della madre anche se ora sono privi del suo affetto e vicinanza,ora che vivono il periodo dell’adolescenza ,non certo facile.Riposa in pace grande donna e madre!!!!🙏🙏🙏

    Piace a 1 persona

  2. Mamma mia che terrore mi fa questa cosa, questa disgrazia, questo improvviso avvenimento doloroso. Abitava non lontana da casa mia e una delle mie amiche che conosco da anni è Ucraina, non riesco a capire la differenza tra esseri umani che si stanno combattendo che non appartengono allo stesso paese che l’uomo ha diviso con le frontiere.
    Certamente sono diversi, ma sono diversi come lo sono i miei vicini o i miei fratelli, nessuno di noi è uguale all’altro ma siamo tutti uguali siamo tutti uomini !!!
    Una drammatica che ha per lo più come oggetto un complesso problema di coscienza, ma che cosa è questa coscienza che ci spinge a tanto, a dare la propria vita per garantire, aiutare soccorrere ma mette in atto una catastrofe che serve a chiarire a liberare da altri esseri umani come noi, che brutte bestie siamo ???
    Speravo anzi ne ero certo che in questa epoca moderna avremmo superato senza dubbio questa parola pazzesca che è la guerra. Perchè quel pazzo di Putin ha fatto e sta facendo tutto questo, deve proteggere che cosa ? Deve difendere che cosa ?? Il confine Europeo si stava avvicinando alla Russia e non molto lontano da Mosca, forse questo o forse la Coscienza che ci dice tu sei migliore sei più grande e puoi esaltarti per possedere per comandare e non morirai mai !!!!
    Era Mamma, Moglie e diventata Italiana, che poi non capisco cosa vuol dire: era una donna in un ambiente tranquillo e è andata a combattere per la sua patria, l’ho vista nelle foto con il mitra in mano assieme ad altri guerrieri, certo bisogna difenderla la patria come lo hanno fatto i nostri predecessori, e quanti ne sono morti, solo e soltanto perché ci sono gli altri, Sempre Uomini, che vogliono sottomettere… Allora mi chiedo !!! Ma siamo degni di questo mondo, ma siamo veramente intelligenti, ma esiste veramente il Dio di mia madre ????
    Che cosa ci spinge a mettere in atto questi sentimenti di terrore e dolore, ma non ci rendiamo conto che sono lontani dal nostro vero essere umano fuori dalla nostra coscienza di essere pensanti

    Piace a 1 persona

    1. Esseri pensanti mica tanto, soprattutto nelle alte sfere!
      A scuola si lavorava sulle quattro abilità della comunicazione: ascoltare, parlare, leggere, scrivere…cui bisogna aggiungere pensare, che non è così scontato. Inoltre la mania o culto della onnipotenza, legato alla presunzione di immortalità fanno compiere scelte contro natura, perciò inumane. Non so quanto Putin sia responsabile della guerra russo-ucraina, di sicuro è in buona compagnia, a est come a ovest. Anche per lui arriverà la fine, un giorno o l’altro e si porterà nella tomba chissà quante vittime di una ideologia vecchia e superata. Dubito abbia un santo protettore, visto che in Russia molti sono atei (credo). Comunque qua la religione c’entra poco, come la intendiamo noi…eccezion fatta per il dio denaro. Ciao, vado a imbastire il post di oggi! 🍀🌻

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: