Indietro nel tempo

Il Ministero della Transizione ecologica ha diffuso il piano MiTE nazionale di risparmio idrico ed energetico per ridurre i consumi nelle abitazioni: riscaldamenti accesi 15 gg in meno e ridotti di 1 grado. Corriamo ai ripari per fronteggiare la crisi energetica provocata dalla guerra in Ucraina e sopperire all’eventuale stop al gas russo. Nel 2024 è comunque previsto di raggiungere l’obiettivo dell’indipendenza dalla fornitura russa. Bene, cioè male: era chiaro che dovremo tirare la cinghia. Sarà da vedere se saremo bravi, ovvero se adotteremo comportamenti virtuosi e se anche le aziende si muoveranno in tal senso. Mi torna in mente la parola “austerity” e il periodo a cavallo tra il 1973 e il 1974, in seguito alla crisi petrolifera del ’73. Anche i “Cicli e Ricicli Storici” di Giambattista Vico (Napoli, 23.06.1668 – Napoli, 23.01.1744), principio della sua filosofia basata sulla ciclicità: il ripetersi delle stagioni, il ritmo biologico naturale…il cammino dell’umanità che ricade in basso, per riprendere di nuovo la salita e rincorrere la civiltà. Trovo affascinante e condivisibile il pensiero di questo filosofo, influenzato da Aristotele, Platone e Macchiavelli, autore de La Scienza nuova, del 1725, in 5 libri. Venendo a me, ho deciso che il prossimo inverno occuperò il mini appartamento, contiguo al mio, destinato a mia madre e dopo la sua morte occupato per diversi anni da mio figlio, ora uscito di casa. Sarà un’occasione per mettere mano alle mie cose, conquistate quarant’anni fa quando anch’io scelsi l’indipendenza, con il primo incarico a tempo indeterminato a scuola come applicata di segreteria, pur laureata. Lo mantenni per quattro anni, giusto per raggranellare i soldi per arredare il primo appartamento in affitto, dopodiché mi licenziai e iniziai a insegnare. Tutti gli acquisti fatti, grandi e piccoli sono distribuiti per casa, che consta di due unità abitative, realizzate grazie al concorso di mia madre e del padre di mio figlio. Perfino troppa grazia, direbbe qualcuno. Pensavo che il monolocale, dove mi trasferirò avrebbe potuto diventare un ufficio per Saul. Al momento ospito mia nipote Cristina quand’è di passaggio e le amiche. Poi si vedrà. Una mano di pittura e ritorno indietro nel tempo (tenendo i piedi per terra).

6 pensieri riguardo “Indietro nel tempo”

  1. Sai Ada cosa penso? Che un po’ di restrizioni non ci faranno male soprattutto ai giovani ,abituati ad avere tutto e subito.Io è da un po’ ormai che opto x il risparmio energetico a parte un po’ il condizionatore quando non si poteva fare senza però anche quello nella modalità anti umidità per risparmiare energia.Ora sto aspettando la bolletta per vedere i consumi.
    ….Ciao Ada!!! Buon pomeriggio

    Piace a 1 persona

    1. Non ti smentisci, saggia Lucia! Concordo con il tuo ragionamento, non ho paura di sacrificarmi per guadagnare in salute psicofisica…e danaro. Sarà un’esperienza utile, soprattutto per chi finora è vissuto “nella bambagia”. Speriamo tra un anno di essere tutti più saggi e meno spreconi! Sereno pomeriggio! E sempre grazie di corrispondere e sostenermi! 💟

      Piace a 1 persona

  2. Leggendo mi viene in mente nella mia vita quante case e appartamenti ho passate ! v Già è così, ero povero uscito a 17 anni da casa e il fatto, come era nella mentalità di quel tempo, di pagare un Bonifico per la casa che durava 30/ 40 anni proprio non mi andava ! Così, anche se parenti e amici mi davano per matto ho scelto un altro percorso che tutto sommato sto ancora usando, adesso per divertimento, per riempire il tempo libero. Il 22 prossimo vado a vedere un appartamento in vendita, periferia Treviso dell’ IVG istituto vendite giudiziarie e poi vedrò che farne !!! Tenere presente che non ho mai usati i miei soldi. La casa non me la porto quando non ci sarò più in questo mondo, pertanto rimane un valore per la vita in questa terra ma non deve diventare un sacrificio un possesso una sacrificio di vita. Ne ho fatta una per ciascuno ai miei figli e adesso mi diverto con i nipoti.
    Certamente la situazione economica che stiamo vivendo è irrazionale non rispecchia certamente la realtà che abbiamo davanti : per esempio : Le bollette sono alle stelle, migliaia di imprenditori costretti a chiudere, famiglie sull’astrico e il peggio deve ancora arrivare, lo vedremo tra autunno ed inverno. Dicono che è colpa della guerra, ma non è così !!!
    L’Eni, contemporaneamente a questa difficoltà, fa 7,3 miliardi di utile nel primo semestre 2022. Non di fatturato, ma di utile netto, andate a vedere !!!
    L’ Eni è una Multinazionale che è attiva nel petrolio, nel gas e nell’energia elettrica. ma non dicono che sono le stesse risorse il cui prezzo è aumentato in maniera pazzesca a causa della guerra in Ucraina ???
    Come cavolo fanno a guadagnare il 700% in più di quando non c’era la guerra ???
    Ma quale guerra, in realtà è pura e semplice speculazione pazzesca senza limiti, in pratica è una truffa legalizzata, come stanno facendo anche le banche aumentando il costo del denaro che siamo arrivati ad una svalutazione del 7/8 %.
    Sono società con la complicità del Nostro Governo Italiano !!!
    Per esempio il 30% dell’Eni è dello Stato e la Banca d’Italia è dello Stato senza parlare della gestione degli Ospedali: pensate che tutto quello che viene speso sia vero !!! e tutto il sistema pubblico comprese le provincie che dovevano essere chiuse anni fa ???
    Spero di aver data una visione chiara !!!
    Cerchiamo d’usare la testa, perché ne vanno di mezzo i nostri figli i nostri nipoti !!!
    Ricordatevi di votare e soprattutto chi presumete che prenderà più voti in modo che vada al governo da solo e possa avere la possibilità di mettere in atto quello che pensa senza essere riscattato dalle banche e multinazionali

    Piace a 1 persona

  3. Quadro desolante delle ruberie che magari fosse esagerato! Per la prima volta sono in dubbio se astenermi o andare a votare…non doveva cadere il governo in una situazione di grande difficoltà e non mi ispira fiducia, al momento nessuno dei contendenti. So che tu premi per il voto ma credo che una forte astensione avrebbe i suoi effetti. Intanto ci penso, sento e mi chiarisco le idee. Di fondo la penso come in un lontano compito di Italiano dove paragonavo la politica a uno stagno…per essere soft! Va bene, vedo di impormi di vedere il bicchiere mezzo pieno…tanto con questa misura non mi ubriaco! Ciao coscritto, fai buoni investimenti e mantieni il buonumore!

    "Mi piace"

  4. Il signor Ivano mi sembra una macchina da guerra, non vorrei usare questo termine, ma non me ne viene un altro.
    Io trent’anni fa non avevo soldi a sufficienza per comprare il mangiare per la mia famiglia, ma non ho avuto idee geniali, tiravo la cinghia.

    Piace a 1 persona

    1. Credo che il paragone lo lusinghi, vediamo se ho colto nel segno. Comunque non sono terrorizzata dal prossimo futuro, ci sono problemi più grossi che tirare la cinghia. Spero in un ritorno di buongusto e saggezza, che tentò di coltivare. Grazie Martina, non è mai finita di sistemare (per me che sono “casinista”), buona serata! 👋

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: