Generosità calpestata

Nel contenzioso tra genitori e figli, solitamente sono dalla parte dei figli. Tuttavia ci sono situazioni in cui mi è impossibile non partecipare per il genitore. Come nel fatto di cronaca nera successo a Bergamo, dove un imprenditore di Grumello, Anselmo Campa, 56 anni, è stato ammazzato dall’ex fidanzato della figlia, di cui usava la Renault Clio rossa che non intendeva restituire. Negli articoli che ho letto, la vittima viene descritta generosa, tant’è che aveva offerto un lavoro da operaio al ragazzo 25enne, nato in Italia da immigrati marocchini, riservandogli trattamento di favore. Poi la storia con la figlia maggiore era terminata e la macchina a lei intestata era stata chiesta indietro, addirittura venduta a un nuovo proprietario del circolo Arci di Grumello. Ma Luca Makka (vero nome Hamedi El Makkaoui) non voleva separarsi dalla “piccola bestia”, come chiamava l’auto. Pare che avesse da restituire altri prestiti all’imprenditore, descritto come un uomo tranquillo, buono, accomodante. La cosa che mi impressiona è la generosità calpestata, l’assurdità di una vita spezzata per mantenere il possesso di un bene altrui, considerato proprio. Di solito i padri, gelosi delle figlie, tendono a ostacolarne le relazioni amorose, mentre in questo caso era avvenuto il contrario, lodevole ma ritortosi contro la vittima. Un pensiero di profonda pietà va anche alla figlia, privata del padre per mano del ragazzo con cui aveva condiviso un percorso di vita, il quale ha pure inscenato di essere addolorato. Chissà se la sfortunata ragazza si fiderà di altri pretendenti…cosa che le auguro, dopo opportuna selezione. Il signor Anselmo non diventerà mai nonno e il suo mancato genero non guiderà più la “piccola bestia” incolpevole della sua assurda bestialità.

7 pensieri riguardo “Generosità calpestata”

  1. La nostra aspettativa è quella che si fonda sul fatto che se siamo buoni dovremmo ricevere il bene.Purtroppo ,a volte,così non è. Poveri tutti.Speriamo che ci sia un risvolto positivo nel tempo.

    Piace a 1 persona

    1. Se non ricevere il bene in cambio di bene, almeno non riceverne male! Mi torna in mente la vecchia canzone che dice: Se sei buono ti tirano le pietre… temo che si tratti di una vecchia storia che si ripete. Angosciante! Anch’io spero che l’aria cambi. Grazie e sereno pomeriggio! 👋

      "Mi piace"

    1. Cara Luisa, tu che sei mamma (e felicemente nonna) comprendi la portata del male arrecato. Speriamo che ci sia il posto per il ravvedimento e la pietà. Benvenuta nel blog, grazie e arrivederci! 🌻

      "Mi piace"

  2. Che triste storia ,uno accoglie in casa il fidanzato della figlia e questo lo ripaga ammazzandolo .Non ho parole!!! Pace all’ anima sua.🙏🙏🙏🙏🙏🙏Amen!!!

    Piace a 1 persona

    1. Dici bene, Lucia: non ci sono parole difronte a tanta… nefandezza (parola in disuso che rende tutto il brutto immaginabile). Buona piega, se vuoi chiamami per gli aggiornamenti. Buona serata! 🌼

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: