Oggi Arte

Sono attratta dall’Arte in tutte le sue declinazioni, pittura e scultura comprese, come sorelle della Letteratura con cui mi esprimo. Col senno di poi, se tornassi indietro mi piacerebbe frequentare il liceo artistico, che cinquant’anni fa era raggiungibile solo a Treviso, quindi praticamente precluso. Non rinnego il liceo classico, a me più congeniale ma qualcosa ha lavorato sottotraccia. Una zia paterna, Maria Cusin, era una buona ritrattista mentre dalla nonna paterna Adelaide ho ereditato l’interesse per la parola. Ho dato alle stampe gli ultimi due romanzi con in copertina i dipinti dell’artista Noè Zardo e lo stesso succederà per il terzo in elaborazione. Questa introduzione fa da cornice emotiva al fatto di cui intendo parlare: il ritrovamento della “Maddalena giacente” del Canova, creduta perduta per circa un secolo. Realizzata su commissione dell’allora primo ministro britannico Robert Jenkinson, era stata acquistata vent’anni fa a un’asta di statue da giardino da una coppia inglese per 5.200 sterline (poco più di 6.000 euro), valore stimato oggi tra i 6 e i 9,5 milioni di euro. Mario Guderzo, eminente studioso del Canova, ex direttore della Gipsoteca che ho avuto il piacere di conoscere quando abitavo a Possagno considera il ritrovamento “di fondamentale importanza per la storia del collezionismo e la storia dell’arte”, un marmo di grande bellezza estetica che ha il suo corrispettivo in gesso in Gipsoteca a Possagno. Mi incuriosisce molto il dietro le quinte di questo ritrovamento, a pochi mesi dalle celebrazioni per il bicentenario della morte del grande scultore (Possagno, 1.11.1757 – Venezia, 13.10.1822), effettivamente da romanzo. Non sarò io a elaborarne la storia, ma è nelle mie intenzioni scriverne una attorno a un’opera d’arte, frutto di fantasia, oppure di ricerca…si vedrà. Se qualcuno tra i lettori volesse offrirmi uno spunto, ben venga: immagino che il nostro territorio sia pieno di opere sconosciute in attesa di essere apprezzate. E come dice l’amico artista Noè: “Anche l’attesa è pensiero”.

10 pensieri riguardo “Oggi Arte”

  1. Mi fa venire in mente il romanzo di Balzac “Il capolavoro sconosciuto”. alla fine, vedi, resta sempre in controluce il mito di Pigmalione per come lo racconta Ovidio: l’artista è sempre innamorato della sua opera e, in tal senso, si riscopre sempre.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie, Federico, andrò a vedere il romanzo di Balzac: benvenuto nel mio blog! Mi piace l’avvicendarsi di persone che entrano ed escono liberamente per dire la loro, senza se e senza ma. Buone cose e alla prossima! 🌷

      Piace a 1 persona

  2. Bella l’ idea di scrivere un romanzo su un’ opera e perché no ,visto che è il bicentenario di Canova su un capolavoro scolpito da lui? Me ne parlerai meglio al mio ritorno.Ciao Ada ,a presto!!!💖💖💖

    Piace a 1 persona

  3. Si si una giornata primaverile amabile contornata dai ciliegi cinesi in fiore che mi guardavano mentre percorrevo lungo il fiume felici di compiacermi ” non lo sai! si si parlano !!! ” hanno messo nel fresco della riva le loro lunghe zampette per nutrirsi… Però che Artista il nostro Canova. L’ho riguardata più e più di una volta : La Maddalena ; si scopre la grande anima dello scultore. Peccato che sono solo un povero mortale

    Piace a 1 persona

    1. Però un mortale dotato di sensibilità, capace di osservare e ascoltare la natura, che parla a chi le presta attenzione. Anch’io ho in giardino un ciliegio giapponese da fiore e sono in attesa che mi regali la rosea fioritura: in questo caso sono io che gli parlo, la comunicazione è aperta! Quanto alla Maddalena giacente, ti raccomando di vedere anche quella penitente, umanissima: grande Canova, merita di essere considerato. Grazie per l’intervento, buona serata! 👋

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: