Equinozio di Primavera

Equinozio di primavera… con temperature molto al ribasso. Però il cielo è terso e luminoso, perciò ci dobbiamo accontentare. Anche la coda dell’inverno ha i giorni contati. Spero che il mio vecchio albicocco in fiore resista all’escursione termica e alle raffiche di vento. Del resto non sono una novità questi sbalzi: molti anni fa, con un collega e rispettive classi uscimmo per una escursione sul territorio proprio il giorno di primavera e ci sorprese la neve. Dev’essere così da parecchio, se il mese di marzo per antonomasia è definito “pazzerello” nel proverbio “Marzo pazzerello, guarda il sole prendi l’ombrello”. Da casa mia si nota la spruzzata di neve sul Grappa. Immagino che tra una settimana la situazione sarà diversa, a ridosso di aprile. Mi piace ricordare che domani si conclude la settimana della Poesia, mezzo salutare per esprimere sentimenti emozioni e riflessioni. Anch’io contribuisco per mio conto, spesso ispirandomi alla natura e talvolta ai capricci del tempo. Prima di sera mi applico e vedo se esce qualcosa di decente da proporre all’attenzione dei miei lettori, che sono invitati a fare altrettanto. Ovviamente se d’accordo. A domani!

4 pensieri riguardo “Equinozio di Primavera”

  1. Cara Ada, fa’ troppo freddo per essere a fine marzo.Abbiamo bisogno del calore del sole e pure la natura per risvegliarsi dal lungo inverno ha bisogno del sole.Ma sarà ormai per pochi giorni e poi addio inverno ,by by ……👋👋👋😊😊

    Piace a 1 persona

  2. Ahhh, le terme! Che goduria! E anche il caldo del sole!! Con questo su e giú continuo, il mio boss si é preso un colpo di aria (si é spogliato di giacca e felpa e bam!) e ha fatto due giorni che sembrava fosse un fumatore incallito! Una raucedine da paura! Conto anch’io che le piante tengano duro soprattutto i due susini che abbiamo in cortile che sono pieni di fiori, anche quello che era malaticcio (sembrerebbe che l’intruglio di calce e solfato di rame secondo le antiche ricette dei libri di agraria di mio papà abbia fatto il suo effetto… Speriamo: non voglio cantar vittoria troppo presto) e ha un paio di incalmi che gli avevo fatto che darebbero l’idea di aver attecchito. Speriamo che arrivi presto la primavera e che porti con sé la buona e bella stagione della rinascita, in tutti i sensi!

    Piace a 1 persona

    1. Gustoso leggere i tuoi commenti, sei spigliato e simpatico nel riferire sui tuoi esperimenti e le pratiche agrarie altrui… mi hai fatto venire in mente la bella poesia “Il susino” di Bertold Brecht, credo di avervela dettata, a suo tempo. Quanto alle terme, siamo in tre a scalpitare… magari la Parinetto ti dà uno strappo se sarai libero e non ti disturberà l’idea di… stare con tre dame!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: