L’arte non ha età

Non sono una fan di Sanremo, spettacolo quest’anno a platea vuota, causa pandemia. Delle serate ho visto qualcosa, durante la pausa del programma su altra rete. Mi è capitato di seguire l’esibizione del primo concorrente, Luca Gaudiano, la prima serata, col pezzo “Polvere da sparo” e quella di Ornella Vanoni, in tarda serata ieri sera. Riguardo al 71esimo festival di Sanremo, mi pare azzeccata la definizione di “centrifuga generazionale” usata da un critico musicale, interpellato stamattina durante il programma di UnoMattina in famiglia, che seguo mentre sorseggio il caffè, dopo aver servito cane e gatto. Sia il ragazzo, apripista, che la signora in chiusura di festival mi sono piaciuti: non posso esprimermi sul resto, perché mi è scivolato addosso e mi manca la documentazione adeguata. Però intendo fare un omaggio all’arte, praticata da persone di qualunque età, come mezzo di espressione senza tempo. Quando l’anziana cantante, inguainata in un elegante vestito rosso ha esordito, interpretando uno dei suoi pezzi più noti, ho cercato sul tablet la sua età: 86 anni compiuti! Mi sono compiaciuta della sua performance, intensa dal punto di vista musicale, ma soprattutto umano: riuscire a trasmettere emozioni – tra l’altro a una platea vuota – alla sua rispettabile età è un privilegio e un monito. Sarò di parte, ma ammiro sempre di più gli artisti in là con gli anni, che talvolta emergono dopo una lunga carriera in sordina, oppure riescono a stare a galla, facendo i salti mortali con la concorrenza e il nuovo che emerge. A proposito, ha vinto un gruppo rock, il cui nome Orietta Berti aveva incautamente alterato… e che alla fine gli ha portato bene! Due parole per il mattatore Rosario Fiorello e il direttore artistico Amadeus: grandi nell’ardua impresa! Oggi è la Giornata internazionale della Salute, pertanto auguro buona salute all’Arte e agli Artisti di ogni branca.

2 pensieri riguardo “L’arte non ha età”

  1. Io invece Ada,sono una fan di Sanremo e anche quest’anno la serata delle cover è quella che mi è piaciuta di più. Con l’ omaggio di Orietta Berti a Sergio Endrigo con la canzone : Io che amo solo te e poi Renga con : Una ragione di più di Reitano Gaia con : Mi sono innamorato di te di Tenco.Canzoni che hanno fatto la storia e un giusto omaggio a questi grandi artisti indimenticabili !!!!Evviva il festival, anche se un po’ sotto tono ,causa covid.

    Piace a 1 persona

    1. Bene, Lucia, hai rimediato alle mie sviste, riportando all’attenzione i meriti dei bravi interpreti che hai citato. Aggiungo che ho apprezzato l’interpretazione di Loredana Bertè, tra quelle poche seguite e di Luciano Ligabue. Mi aggiornerai sul resto, appena avrò finito di correggere la bozza del mio romanzo…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: