Questione di linea

Primo pomeriggio. In attesa che il governo Draghi prenda forma… propongo un argomento leggero (che però ha le sue vittime per bulimia o anoressia): la linea. La bellezza non è una taglia ma uno stato dell’anima: parola degli stilisti, almeno quelli che utilizzano modelle curvy per i loro brend. Lo sento per Costume e Società, mentre sparecchio. Evviva, finalmente un po’ di riconoscimento a chi convive con qualche chilo di troppo, purché in salute! Non ho avuto in dono da madre natura una statura di riguardo, sono un tipo “caucasico” (piccola e tonda), termine che mi disorientò quando mi venne attribuito, durante una visita, tanto tempo fa. Non mi sono mai guardata troppo allo specchio, puntando su altre qualità personali. Mi basta la salute, che per fortuna mantengo. Senza sforzi particolari, ho perso cinque chili (in un anno…), grazie all’uso del tapis roulant. Il che allevia il carico sull’anca artrosica e mi consente di tirar fuori dell’armadio capi che mi andavano stretti. Mio padre Arcangelo era obeso ed è morto d’infarto quarant’anni fa. Socievole e spiritoso, diceva che muoiono tanto i grassi quanti i magri: inconfutabile! Però decidiamo noi il nostro girovita (salvo patologie) e come nutrirlo. Con buona pace della moda e di chi la detta.

10 pensieri riguardo “Questione di linea”

  1. Cara Ada, qui tocchi un tasto dolente.Io sono sempre stata robusta ,fin da piccolina e molto golosa anche…….Figurati che quando avevamo il bar negli anni dal 1964 al 1971 ,nel periodo estivo ero così golosa di gelati ,che portavo via di nascosto ai miei un gelato ,quasi tutti i giorni e me lo gustavo poi chiusa in bagno lontano da occhi indiscreti. Mi sono sempre chiesta : chissà se papà se n’ era mai accorto……

    Piace a 1 persona

    1. Per me se n’era accorto e ti lasciava fare, anche perché allora piacevano le donne in carne! Che posavano per i pittori nel Cinquecento senza tema di essere… eccessive! L’unico limite alla bilancia deve essere la salute, quello sì e adesso che siamo in pensione siamo più tranquille e possiamo finalmente occuparci di noi. Ah, il gelato è un ottimo sostituto del pranzo (se ti viene un attacco di gola)… sereno pomeriggio!

      Piace a 1 persona

  2. Prima la salute.
    Io vesto una tripla XXXL : un quintale abbondante per un metro e ottanta, il che diminuisce un po’ l’effetto che fa l’abbondante corporatura. A dire il vero sono una buona forchetta e amo i dolci, d’altronde non fumo, non bevo, donne…lasciamo perdere, qualche soddisfazione bisogna pur averla! Scherzi a parte, taglia 44 o extra-large l’importante è la salute e soprattutto star bene con sé stessi.

    Piace a 2 people

    1. Sono d’ accordo con te Piero, anche se abbiamo qualche kg di troppo,importante è star bene in salute e con noi stessi.Poi di questi tempi ,anche se ci concediamo qualche peccato di gola ne guadagniamo in buonumore .Importante è non esagerare.Un caro saluto

      Piace a 1 persona

    2. Caro Piero, sei un extra large di competenza e anche di simpatia: sono onorata che tu tenga saldamente le redini del mio blog. Un’ulteriore soddisfazione mi viene dagli intrecci spontanei tra te e gli altri che commentano. Conto su una cordiale rimpatriata, appena possibile! Buona serata, amico!

      "Mi piace"

      1. Ciao Ada, sei sempre molto generosa nei mie confronti e non sono sicuro di meritarlo veramente. Per quanto riguarda un’ipotetica rimpatriata mi sa che questo terribile virus ci terrà lontani ancora per un bel po’ di tempo; comunque come dici tu: “spes ultima dea.”

        "Mi piace"

  3. Tanto per rimanere in tema, stamattina sono andata alla Fondazione CARITAS di Vittorio Veneto ad acquistare una decina di ricettari redatti dai ragazzi della Cooperativa agricola Terramica di Mansue’. Li avevo prenotati per tempo ed ora che siamo “gialli” sono potuta andare a ritirarli.
    Sono quadernetti dal titolo molto significativo I Nipotini di Artusi, corredati di foto delle pietanze e dei ragazzi stessi.
    Nel pomeriggio le mie amiche, sentito ciò, se li sono accaparrati e me ne rimane uno per un regalino e uno per me per provare le ricette!
    Buona serata.

    Piace a 2 people

    1. I Nipotini di Artusi: straordinario! Li comprerei a occhi chiusi, solo per il titolo. Me li farai vedere quando ci incontreremo: brava Martina, fai circolare l’economia giusta e da valorizzare. C’è bisogno di cose buone e di consumare valori autentici. In cucina farai furore! Buona serata e grazie per il contributo. A domani (o giù di lì)💛

      Piace a 1 persona

  4. Sono d’accordo che l’importante é essere in salute prima di tutto e poi stare bene con sé stessi. Sinceramente, preferisco una bella raggazzotta dolce e in carne che magra e acida! Sempre senza esagerare però! Il troppo stroppia 😉

    Piace a 1 persona

    1. Forte Manuel buongustaio! La ragazzotta dolce e in carne ti sta aspettando da qualche parte… peccato per la magra e acida che dovrà farsene una ragione. Bando agli scherzi, il benessere si costruisce giorno per giorno, badando alla salute e non certo ai chili (purché non siano troppi!). Stai bene! 😄

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: