Meno tre

Confesso che ho una gran voglia che le imminente festività passino alla svelta, senza colpo ferire. Sarò impopolare, ma non me la sento di fare festa, pensando a tutti i guasti e alle innumerevoli vittime che questo 2020 ha seminato, sebbene concordi che bisogna guardare avanti. Ecco, ieri è iniziato l’inverno e so che tra tre mesi sarà Primavera; io compirò gli anni, se tutto andrà bene, non in isolamento. Il vaccino mi sembra il regalo più bello che la scienza ci metterà sotto l’albero. Il neo presidente americano Joe Biden si è fatto vaccinare in pubblico e il 27 dicembre p.v. in Europa sarà il “Vaccino day”. In Italia, il ministro della Salute Roberto Speranza (cognome stupendo) ha annunciato che i primi vaccinati saranno degli operatori sanitari. Mi pare giusto. Considerato che la pandemia è un problema planetario, è logico che ci siano delle iniziative comuni per sostenere le nazioni nella lotta al virus. Poi rimane primaria la responsabilità individuale, a tutela della propria e altrui salute, senza la quale tutti gli altri beni si mettono in coda. Ho trascorso le ultime ore in ansia, per il timore di essere stata contagiata, cosa che si è poi rivelata inconsistente. Racconto com’è andata. Di sera mi telefona un’amica, vista di sfuggita domenica per lo scambio dei saluti; un collega di lavoro la informa di essere risultato positivo al tampone… lascio immaginare il seguito. La mia amica si sottopone a sua volta al tampone e informa tutti i suoi contatti, me compresa. Le ore seguenti sono al cardiopalma. Per fortuna l’esito è negativo, ritorno tranquilla. Con la testimonianza di un corretto agire e un’ulteriore dose di resistenza da parte mia, in attesa di un futuro più sereno.

6 pensieri riguardo “Meno tre”

  1. Meno male Ada, che è risultato negativo,sennò sai che ansia .Ormai questo è un incubo e ben venga il vaccino ,speriamo sia la scelta giusta per sconfiggere questo maledetto virus!!!!

    "Mi piace"

    1. Ciao Ada,
      sono contento per il tuo scampato pericolo e immagino i momenti di ansia e timore che ti hanno accompagnato in questi giorni. In realtà non è come dicono molti una psicosi da contagio, ma la consapevolezza di un reale pericolo che si corre solo fermandosi qualche minuto a far due chiacchiere e salutare un amico, per questo non mi stanco di ripetere la mia parola d’ordine: “ATTENZIONE, PERCHE’ OGNI CONTATTO E’ UN RISCHIO!”

      Piace a 1 persona

      1. Grazie per la considerazione e per la comprensione. La prudenza non è mai troppa, sono stata sul margine del burrone senza saperlo. Da oggi e fino al vaccino solo incontri veloci sul cancello di casa, ovviamente con mascherina, diventata un elemento integrante dell’abbigliamento. Sperando che la vaccinazione di massa ci liberi da questo incubo. Buona antivigilia, ci sentiamo!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: