Omaggio a Rodari

A cent’anni dalla nascita di Gianni Rodari (Omegna, 23.10.1920 – Roma, 14.04.1980), desidero dare il mio contributo a questo grande intellettuale, che in vita aveva fatto molte cose: l’insegnante elementare, il giornalista, il poeta, il partigiano… uno scrittore “fantastico” che ho conosciuto da insegnante, ho apprezzato e proposto ai miei studenti per farli sorridere e pensare, obiettivo non scontato in duplex. Ricordo la recita de Il pellerossa nel Presepe, proposta con successo in varie rappresentazioni natalizie, di cui riporto i versi centrali: “Non è il tuo posto, via, Toro Seduto: torna presto da dove sei venuto. Ma l’indiano non sente. O fa l’indiano.” Pedagogista geniale, ammiro il suo coraggio di essere controcorrente, ad esempio nel preferire la cicala alla formica. “Chiedo scusa alla favola antica, se non mi piace l’avara formica. Io sto dalla parte della cicala che il più bel canto non vende, regala”. Vinse il prestigioso premio Andersen, considerato il “Nobel” della letteratura per l’infanzia, e numerosi altri premi, anche se “È come Gaber o De Andrè: adorato ma poco messo in pratica” (Manlio Lilli, 23.10.2020) Mi soffermo su questa considerazione e provo a scioglierla: non è semplice essere facili, alla portata di un pubblico empatico, tradurre concetti difficili in esempi terra terra, alla portata dei bambini. Ci riesce la poesia, quando non è esercizio stilistico ma tocca le corde del cuore. Personalmente è questa capacità espressiva che invidio a Rodari, che parla ai bambini ma ha messaggi sottotraccia anche per gli adulti, ex bambini. Chissà cosa avrebbe scritto questo fantasioso scrittore sul tempo attuale… magari avrebbe buttato giù dei versi sulla movida, o sul covid 19, giocando sul numero. Di certo era uno che pensava e sapeva esprimere concetti profondi in forme semplici. Come fosse un gioco di ombre cinesi.

9 pensieri riguardo “Omaggio a Rodari”

  1. Rodari è il primo poeta che ho conosciuto da bambina alle scuole elementari ,rallegrando la mia infanzia.Da questo po
    eta è nato il mio amore x la letteratura e la poesia .Che bei ricordi ……

    Piace a 1 persona

  2. La prima rondine
    venne iersera
    a dirmi: “È prossima
    la Primavera!
    Ridon le primule
    nel prato, gialle,
    e ho visto, credimi,
    già tre farfalle”.
    Accarezzandola
    così le ho detto:
    “Sì è tempo, rondine,
    vola sul tetto!
    Ma perché agli uomini
    ritorni in viso
    come nei teneri
    prati il sorriso
    un’altra rondine
    deve tornare
    dal lungo esilio,
    di là dal mare.
    La Pace, o rondine,
    che voli a sera!
    Essa è per gli uomini
    la primavera”.
    – Gianni Rodari –

    Piace a 1 persona

  3. Che ricordi! Alle elementari quante ne abbiamo fatte. Erano le poesie che preferivo all’epoca: per un bambino sono sicuramente più comprensibili di quelle del Pascoli o del Leopardi che la maestra si ostinava a tentare di farci assimilare…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: