Incontro con l’autore Ada Cusin

Stamattina mi sono svegliata incredibilmente presto: l’ansia lavora, per la presentazione della mia ultima opera letteraria, domani sera, in Centro Sociale a Castelcucco, dove abito. Ho presentato altri libri in precedenza, ma questo è diverso, per genere e per contenuto. Inoltre, per la prima volta in copertina non c’è una mia foto, ma un espressivo dipinto dell’amico Noè Zardo, che ne costituisce un valore aggiunto. L’argomento del libro emerge da una somma di episodi, descrittivi e introspettivi, somigliante a un diario, però scritto a ritroso, dal presente al passato. Il titolo TEMPO CHE TORNA, vuole evidenziare il vero protagonista della lunga confidenza spalmata in 46 brevi episodi, che fa riemergere dal passato oggetti, persone, emozioni. L’opera non è stata progettata, è nata da sé mentre ero impegnata a sgomberare la cantina da un ammasso di scatoloni, in attesa da vent’anni di restituirmi il loro contenuto: foto, la tesi di laurea, giocattoli, compiti, quaderni, libri… un mondo accantonato ma ancora in grado di emozionare. Le cose più care ritrovate? La foto di mia nonna Adelaide, da cui ho preso l’amore per le parole e il braccialetto sanitario di quando ho dato alla luce mio figlio. Ah, lui è il responsabile inconsapevole di questo mio nono libro, perché sua è stata la richiesta di sgomberare la cantina… che adesso mi godo anch’io. Quando si dice il caso!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: