Non “Fare di tutta l’erba un fascio”

Nel passato sognavo spesso di essere al mare, non a occhi aperti, proprio durante il sonno. Probabilmente il mio inconscio faceva emergere un luogo dell’anima che mi attraeva fin da bambina, per la vastità e il senso di benessere che favoriva. Da grande sono stata spesso in località marine, per staccare dal quotidiano e ricaricarmi. Quest’anno ho fatto un paio di puntate a Bibione, privilegiando più lo stabilimento termale che la spiaggia. Oggi vado in montagna, molto gettonata in questi giorni, più rassicurante riguardo assembramenti. Turista per un giorno, in compagnia di amici. Porterò a casa foto ed impressioni. Dubito che tra i soggetti dell’obiettivo ci sarà l’Oleandro, pianta tipica delle località marine. A suo tempo ne avevo coltivato in vaso due, uno rosa e uno rosso, che cedetti a un’amica quando seppi che le foglie sono molto pericolose, se ingerite da bambini o animali domestici. E non potevo correre il rischio. Comunque le piante donate hanno attecchito e si sono sviluppate meravigliosamente, dimostrando che non si può “Fare di tutta l’erba un fascio”.

1 commento su “Non “Fare di tutta l’erba un fascio””

  1. Concordo pienamente sulla visione montana e marina… Domenica ci andrò pure io con gli amici! Ed é proprio vero che non bisogna fare “de tuta l’erba un fas”!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: