Capodanno e Capodanno

Tra le varie notizie, il telegiornale informa anche su come è stato vissuto il Capodanno in alcune parti del globo: in Francia, con la gente riversatasi sugli Champs-Élysées, a Londra con lo spettacolo pirotecnico lungo il Tamigi, a Venezia dove il bacino di San Marco sulla Riva degli Schiavoni si è illuminato con il riflesso dei fuochi sull’acqua. Stride con le immagini festose della gente uscita in strada, dopo due anni di pandemia quella del Capodanno di guerra in Ucraina: persone di tutte le età, soprattutto anziani nello scantinato, tra coprifuoco e paura di un nuovo attacco. La telecamera si sofferma furtiva su due bimbe che giocano sopra un materasso, un anziano con le cuffie in testa, un’anziana sdentata… non serve catturare immagini strappalacrime. Intuisco come sia il morale della gente privata della libertà in questo periodo festivo, con l’inverno che avanza. Le strade di sera sono buie e alle 23, ora del coprifuoco nessuno è più in strada. Il presidente Volodymyr Zelensky, temendo un’operazione più aggressiva da parte della Russia ha detto: Il nemico farà di tutto per rendere il Capodanno il più cupo possibile. Non ho parole…mi vengono in mente i versi di Salvatore Quasimodo nella poesia Uomo del mio tempo: Sei ancora quello della pietra e della fionda,/uomo del mio tempo e sembra che dai tempi di Caino e Abele si ripeta l’odio di quando il fratello disse all’altro fratello:/”Andiamo ai campi”. Sento un’oppressione a parlare di argomenti gravi, ma scriverci mi consente almeno di esprimere pietà e solidarietà. Chi mai avrebbe immaginato una guerra in Europa, dopo la tragedia di due guerre mondiali? Mi soccorrono i versi illuminanti di Bertold Brecht: Quando chi sta in alto parla di pace/la gente comune sa/che ci sarà la guerra./Quando chi sta in alto maledice la guerra/le cartoline precetto sono già compilate.// Ignoro quante persone siano morte dal 24 febbraio scorso, dall’una e dall’altra parte…certo moltissime, ed altrettante non avranno più voglia di festeggiare alcunché. Salvo la Libertà e la Pace.

4 pensieri riguardo “Capodanno e Capodanno”

  1. Speriamo Ada, che la guerra finisca presto è questo l’ augurio più grande per il nuovo anno.Tutto il resto può aspettare ma la guerra deve finire,il popolo ucraino deve tornare a vivere .Forza Ucraina ,arriverà presto la pace per voi e per il mondo intero.🤝🤝🤝🤝

    Piace a 1 persona

    1. È un desiderio globale che mi auguro si concretizzi. Intanto le vittime aumentano e pure la desolazione. È dura confidare in un miracolo…ma dobbiamo crederci. Ciao e buon pomeriggio, benché nebbioso 😁

      "Mi piace"

    1. Bravo Giancarlo… già da piccolo avevi un cuore pulsante e un’anima ricettiva: le tue stringate ed intense risposte mi riempiono di soddisfazione per averti tra i commentatori del mio blog! Grazie, buona serata 👋

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: