Scelta inspiegabile

Ogni giorno succedono cose brutte. A mio avviso, sono inspiegabili quelle in qualche modo cercate. Ad esempio il tentato suicidio di un 21enne, venerdì sera a Cornuda. Subito ero stata tentata di scriverci qualcosa, poi ho rinunciato, per la drammaticità del fatto. Ci ripenso perché mio nipote mi scrive che conosceva il ragazzo e leggo tra le righe la richiesta di un intervento sull’episodio. Mi colpisce innanzitutto la giovanissima età dell’autore del gesto, poi la modalità con cui ha tentato di suicidarsi, dandosi fuoco in via della Pace – beffa del destino – nel centro di Cornuda. Tanto grande deve essere stato il suo male di vivere, da scegliere di morire in maniera tanto dolorosa. E plateale, perché si è dato fuoco in strada, di sera, forse cercando un pubblico che assistesse alla sua uscita di scena. Come a teatro, interpretando una tragedia. Nell’audio che mi ha inviato mio nipote che lo conosceva, estrapolo le parole: “Gli volevo un casino di bene, ieri ho pianto tantissimo”, quindi il giovane non era privo di affetti. Chissà se, chi decide di darsi la morte pensa al dolore che infligge a chi resta…ne dubito. Leggo che il ragazzo, affetto da problemi psichici e seguito da Ulss 2 e Comune, è gravissimo al Grandi Ustionati di Padova, in coma farmacologico. Il folle gesto gli ha causato gravissime ustioni di terzo grado sul 95 % del corpo. Visto che è successo di prima sera, immagino il terrore provato da chi era presente alla scena. Di sicuro il ragazzo ha dei familiari e amici che ora sono in ansia per lui che sta combattendo su un letto d’ospedale. Ma cosa augurargli, se il suo intento era morire? So di persone salvate in extremis che ci hanno riprovato. La mia pena ora va soprattutto ai familiari e amici che forse si sentiranno in colpa, per non averlo impedito. Compreso mio nipote.

6 pensieri riguardo “Scelta inspiegabile”

  1. Che storia triste Ada,mi si stringe il cuore sentendo questi dolorosi fatti di cronaca.Io mi domando, ma possibile che un ragazzo debba compiere questo insano gesto ,non vedendo altre vie d” uscita? Perché uno arriva a questo gesto estremo ? Cos’era che lo tormentava? Mille domande che ancora una volta non trovano risposta.Forza ragazzo ,che la vita ti riserverà giorni felici !!! Abbi fede!!!

    Piace a 1 persona

    1. Bello il tuo incoraggiamento, cara Lucia! Nemmeno io so rispondere alle tue legittime domande… evidentemente non sono bastati gli aiuti sanitari che comunque aveva. Penso alla mamma di Fabio – lo ricorderai – ultraottantenne che dopo tanti anni dal suicidio del figlio continua a chiedersi perché l’abbia fatto…una ferita inguaribile! 🙏

      Piace a 1 persona

  2. Non riesco, non c’è la faccio, sono stato molto fortunato ho avuto uno parte iniziale della mia vita molto bella e forse è per questo che non riesco a capire la pazzia il trauma di un ragazzo così giovane che cerca il suicidio !!!
    Presumo che pensa di essere un trauma per se stesso e per la sua famiglia, deve essere terribile !
    Non riesco neanche ad avvicinarmi esternamente alla vita di questo ragazzo, il suo giudizio in un momento si di cambiamento di speranza visto da lui deve essere o lo vede come il tonfo in un vulcano dove non ha ne la forza ne la capacità ne la possibilità di arrampicarsi per risalire fuori dal fuoco che lo ha portato in ospedale con il 90% del corpo distrutto.
    Sicuramente dove io vedevo a quei tempi il successo dato dalla mia anche se stupida e incapace visione lui vedeva una desolazione senza svolta senza fine un punto morto.
    Ci provo ma sinceramente non c’è la faccio entrare nella sua spaventosa enorme paura di vivere, credo che tutti abbiamo paura della morte, anche se adesso vista la mia età la vedo parte della vita, ma non riesco a vedere il suicidio come un atto coraggioso, ma avere la forza di spingersi verso la morte non mi sembra neanche una cosa da codardo ma fa parte del coraggio di potersi dire la vita non vale la vita stessa, mamma mia che coraggio.

    Piace a 1 persona

    1. Direi che è un insano coraggio quello che spinge a cercare la morte, molto prima che lei cerchi noi. Dato che il ragazzo era seguito, mi viene da pensare che neanche chi lo aveva in cura ha sospettato che potesse arrivare a tanto. Del resto il cervello è solo in parte esplorato. Rimane tuttavia l’amaro per l’atto di autolesionismo altamente drammatico e il disagio di sentirsi impotenti di fronte a scelte tanto irrimediabili. I suicidi avvenivano anche una volta – se non erro in tal caso veniva negato il funerale – solo che passavano sottosilenzio. Adesso siamo perfino troppo aggiornati sulla cronaca nera. Rimane il mistero della mente umana che non raramente va in tilt! Buon pranzo se non hai pranzato…viceversa buona digestione!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: