San Valentino

14 febbraio, San Valentino, vescovo e martire cristiano (Terni, 175 d. Cristo – Roma, 14 febbraio 269), patrono degli innamorati e protettore degli epilettici. Mi sento un po’ imbarazzata ad affrontare questo argomento: per l’età non più evergreen e perché mi sono innamorata poche volte nella vita, credo tre, numero perfetto secondo Dante, piuttosto contenuto per ritenermi un’esperta in materia. Mi soccorre Arletta che mi invia uno scatto fatto al Louvre dell’opera AMORE E PSICHE di Antonio Canova (di cui quest’anno ricorre il bicentenario della morte). Emetto un respiro di sollievo, osservo il gruppo marmoreo e deduco quanto segue: se il grande scultore ha messo le ali sulla schiena di Amore, Eros o Cupido che dir si voglia, oltre al mito, suppongo che abbia pensato alla sublimazione del sentimento, capace di elevare dalla terra al cielo. Allora posso spaziare anch’io e considerare l’amore riferito a tutte le creature senzienti, fiori e animali compresi. In tal caso mi sento coinvolta; eccome, considerato che vivo da sola, in serena compagnia di cane, gatta e canarini, circondata da piante dentro e fuori casa. Tornando all’opera del Canova (realizzata tra il 1787 e il 1793), mi piace come l’artista ha reso l’abbandono di Psiche al partner, destinatario dell’abbraccio. Certo che in clima di pandemia, chi ha sofferto per l’allontanamento dal compagno vivrà questa giornata con particolare intensità. Ma c’è anche il rovescio della medaglia, di chi è “scoppiato” in casa a contatto forzato con il compagno/a. Diciamo che il covid ha fatto come da cartina al tornasole. La mia percezione è che si siano rafforzate le coppie salde, e sgretolate quelle fragili. Chi è single, guarda con simpatia e un po’ di invidia le coppie autentiche, mentre prende ulteriormente le distanze da legami posticci. Chissà cosa pensa lui, il santo caricato da tante aspettative e tante domande. Chiudo gli occhi e provo a interrogarlo: mi metto in coda, perché la risposta non sarà immediata! Buon San Valentino a tutti!

6 pensieri riguardo “San Valentino”

  1. In questo giorno di S. Valentino voglio pensare a mia sorella che proprio oggi festeggia 40 anni di matrimonio. Non sono stati sempre anni facili, ci sono state delle crisi superate in nome del Bene maggiore, ma ora c’è una serenità di fondo che sa trasmettere amore agli altri anche con attività di volontariato creativo nel sevizio..
    Amore a tutto tondo, ma che sa valorizzare questo legame famigliare… anche oggi, come da 40 anni a questa parte, lui fa trovare a lei un meraviglioso mazzo di rami di pesco ancora in boccio il promessa di una dolce fioritura!

    Piace a 1 persona

    1. Cara Anna, bene arrivata nel blog! Complimenti a tua sorella e a tuo cognato che le fa trovare i rami di pesco, gesto che equivale a una poesia! Il Bene maggiore, la serenità e il volontariato creativo la dicono lunga sullo spessore umano dei tuoi familiari cui sei legata a doppio filo perché anche tu sei una persona speciale. Vanni di certo lo sa. Anche le tue parole sono un concentrato di valori che trasudano benessere. Leggerti è un piacere. Grazie e alla prossima! 🌷

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: