Brutta pagina di cronaca

“Costruire una società basata su valori sani”: parole di Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica di Roma, intervistata sull’increscioso episodio di antisemitismo ai danni di un 12enne, aggredito a calci sputi e parole da due ragazzine. Succede a Campiglia Marittima in provincia di Livorno, domenica poco dopo le 18 in un parco comunale, a ridosso della Giornata della Memoria. Autrici dell’aggressione due adolescenti di sesso femminile, genere ritenuto particolarmente sensibile. Anche il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi si dichiara addolorato e richiama tutti all’impegno quotidiano nell’educare le nuove generazioni “al rispetto e al rifiuto di ogni forma di violenza e discriminazione”. Come non condividere questo accorato appello? La comunità ebraica di Livorno, una delle più importanti d’italia, è sotto choc. Tristezza constatare che succedano ancora queste cose, dopo tutto il male versato subìto ignorato e perfino negato! Chissà cosa passava per la testa delle due quindicenni e chissà cosa ci mettono, dentro la testa. Intanto bene ha fatto il padre del ragazzino aggredito a denunciare l’episodio ed altrettanto i media a darne conto. Mi auguro che le responsabili dell’aggressione vengano adeguatamente coinvolte in una punizione utile a farle rinsavire. Sospetto che dietro ci siano carenze varie (perfino troppo facile pensare di natura familiare e/o scolastica), ma la responsabilità dell’episodio ricade in primis nelle ragazze che, data l’età dovrebbero essere in grado di intendere e volere. Vero che spesso anche gli adulti peccano di giudizio…ma evitiamo di giustificare sempre e di soprassedere.

2 pensieri riguardo “Brutta pagina di cronaca”

  1. Sono d’ accordo con te Ada,è ora di finirla di giustificare sempre i giovani.Questi episodi,come altri del resto ,sono da condannare ed è giusto che paghino per quel che hanno fatto!!!Una società civile non può permettersi episodi di questa natura.😔😔😔😔

    Piace a 1 persona

    1. Come dire che “Il medico pietoso fa la piaga puzzolente”, la troppa tolleranza diventa…fragranza di altro reato. Ho un po’ giocato con le parole ma il messaggio è chiaro: certi comportamenti incivili vanno prontamente sanzionati! Ciao Lucia, se domani te la senti di uscire al mercato passo a prelevati prima delle 10 👋

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: