Vittime

Sono preoccupata – ma sarebbe più opportuno dire sconvolta – al pensiero di quante persone siano mentalmente disturbate, senza che lo sappiamo, anche per una malsana tutela della privacy. Mi riferisco all’episodio tragico successo nel napoletano, dove il piccolo Samuele, in braccio ad un giovane domestico schizofrenico, è caduto dal terzo piano passando dai giochi alla morte. La madre della piccola vittima è incinta di otto mesi e non oso immaginare il suo strazio. L’autore del gesto, che pare abbia confessato il misfatto oltre che essere in cura per disturbi della personalità, mi suscita paura e anche sgomento per avere circolato impunemente, se affetto da turbe tanto gravi. Quando vennero chiusi con la legge Basaglia gli ospedali psichiatrici, sembrò un passo verso la civiltà, ma temo che sia rimasto sulla carta l’intento di sostenere familiari e vittime della malattia mentale. Oggi, tra l’altro, è la giornata mondiale dell’Alzheimer, attorno a cui almeno si parla e sono stati prodotti dei buoni film. Purtroppo il disturbo mentale non conosce età e spesso viene coperto o sottovalutato dagli stessi familiari di chi ne è affetto. Con conseguente disastrose, come nel caso occorso allo sfortunato Samuele. Le mie sono solo considerazione, non ho nessuna patente al riguardo. Mi limito a dire che percepisco molta ipocrisia riguardo al problema, che la recente pandemia ha accentuato. Con la speranza di sbagliarmi.

2 pensieri riguardo “Vittime”

  1. Cara Ada,hai toccato un tema delicato…..Le malattie mentali non sempre sono facili da curare e comunque se questa persona era disturbata ,non dovevano affidargli un bambino.No, e poi no !! Per quanto bravo fosse se una persona ha queste patologie è sempre imprevedibile.Riposa in pace piccolo Samuele!!!!

    Piace a 1 persona

    1. Già, sono d’accordo con te… A volte si sottostimano i segnali oppure ci si abitua a comportamenti “strani”, senza considerarli campanelli d’allarme. E comunque anche gli specialisti sono limitati nel prevedere lo sviluppo di certe patologie, perché il cervello rimane tuttora poco conosciuto. Sono desolata per la povera vittima: la immagino trasformata in una luminosa 🌟

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: