Tecnologia e Umanesimo

Ho seguito il discorso del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, che si è rivolto ai “cari concittadini e care concittadine” con tono paterno e parole chiare, invitando alla “ripartenza”. Eravamo in molti, circa 15 milioni, ad ascoltare il suo accorato messaggio. Capelli bianchi, abito blu, sguardo mite sembrava un importante membri di una allargata famiglia: credibile e rassicurante, pur ricordando le vittime e i danni perpetrati dalla pandemia nel corso del drammatico 2020. Ad un certo punto ha dichiarato che si vaccinerà, appena arriverà il suo turno. Esemplare. Riguardo alla ripartenza, sento il parere di diversi opinionisti, che prendo con le pinze. Oggi 2 gennaio 2021, durante il programma televisivo Unomattina ho selezionato due parole del pensiero di un qualificato ospite, che potrebbero diventare un’accoppiata vincente per la ripresa dell’economia nei prossimi mesi: Tecnologia e Umanesimo. Preciso che non sono affatto un’esperta, mi affido all’intuito più che altro, per definire la mia posizione. Avendo fatto studi classici e amando l’arte, che in Italia è di casa, vedo volentieri qualunque iniziativa volta a valorizzare il nostro immenso patrimonio. Quanto alla tecnologia, se bene utilizzata e non invasiva, perché no? Fa risparmiare un sacco di tempo e di code. La prima mail è stata inviata nell’ottobre del 1971 e da allora ne è passata di acqua sotto i ponti! Certo non si può semplificare: la didattica a distanza è un palliativo rispetto alla lezione in presenza. Me lo confermano le mie colleghe in servizio. Io da pensionata le sostengo con qualche verso… che devo alla mia cultura umanistica.

5 pensieri riguardo “Tecnologia e Umanesimo”

  1. Ben detto Ada,per la ripresa affidiamoci alla tecnologia e all’ umanesimo.Piu’ umanesimo però che tecnologia a parer mio.Buona giornata

    "Mi piace"

  2. Concordo, Lucia! L’Umanesimo ha introdotto il Rinascimento e di rinascita c’è un grande bisogno. Meglio affidarsi alla cultura, utilizzando la tecnologia senza farsi snaturare e invadere. Grazie per il contributo e buon pomeriggio!

    Piace a 1 persona

  3. É proprio verissimo… In pochi anni la tecnologia ha fatto passi da gigante! Basta pensare ai nostri cellulari! Chi mai all’epoca del Commodore 64 avrebbe mai pensato ad una diffusione cosí ampia del computer e cosí potente ma comunque in grado di starci in una mano? Un affarino spesso mezzo centimetro e della misura di una fotografia o poco meno fa piú cose di un’intero mainframe della IBM degli anni 80 grande quanto un piano di un palazzo!
    O alla prima mail come dice lei! I primi collegamenti a internet via linea telefonica e riservati alle università e ai centri di ricerca!
    Chissà dove andremo… Ai posteri l’ardua sentenza 😉

    Piace a 1 persona

  4. Caro Manuel, mi dovrai spiegare che cavolo è il mainframe della IBM e altre cosette… d’altronde sei studente universitario di Ingegneria Informatica o giù di lì. Io potrei cavarmela con un po’ di latino e reminiscenze di greco. Ciò che importa è mischiare bene i saperi e non stancarsi mai di imparare. Studenti e Professori si scambiano i ruoli, come facciamo noi. Grazie collega!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: