Ogni frutto ha la sua stagione

Non sapevo che la Portulaca fosse una pianta commestibile. Circa un mese fa, ho comprato al mercato sei vasetti di Portulaca, detta anche porcellana, tre bianchi e tre rosati, che ho interrato in una fioriera in pieno sole, perché non hanno bisogno di acqua e resistono alle alte temperature. I fiori sono piccoli e si chiudono di sera, un po’ come le Ipomee. Curiosando nel web, scopro che le foglie della Portulaca sono ottime se aggiunte alle insalate e alle frittate… quindi so già cosa mangerò stasera! È già successo con gli aghi dell’abete divenuti ingrediente del risotto. Per non parlare delle bacche della rosa canina, trasformate in liquore, con tanto di foto sulla bottiglia. Adesso che ci penso, anche se nego di essere una brava cuoca, ammetto che ho fatto volentieri qualche esperimento culinario in cucina. Il top però rimangono le marmellate, o meglio confetture realizzate con la frutta prodotta dalle mie poche e generose piante. Giusto poche ore fa mi sono dedicata alla trasformazione delle prugne cadute dall’albero in sette vasetti di confettura violetta. Con il cambio di stagione faranno da copertura alle future crostate. Sono d’accordo con chi sostiene che l’ideale è consumare il prodotto fresco, e lo faccio. Ma è un peccato lasciar marcire nell’erba quello che cade per svariati motivi. Ho sperimentato che procura una grande soddisfazione nutrirsi a metro zero con i propri prodotti; nel mio caso, spulciando la mattina tra i lamponi e le fragole. Se la pianta si è stabilita in casa da sola, come il susino goccia d’oro, la soddisfazione è doppia. Quando abitavo in condominio, ignoravo il piacere della raccolta diretta dei fiori e dei frutti. D’altronde dovevo occuparmi di altro, non meno importante! Però adesso mi godo quello che ho, accordandomi col proverbio “Ogni frutto ha la sua stagione”!

9 pensieri riguardo “Ogni frutto ha la sua stagione”

  1. Guai a chi tocca la portulacca di mia nonna: ci tiene da matti insieme al suo “roser”, entrambi vecchi di generazioni ormai… Che scoperta bellissima quella che si può mangiare! E come al solito coglie nel segno: mangiare la frutta cogliendola direttamente dall’albero o dalla terra è sempre una meravigliosa esperienza. Il gusto delle ciliege mangiate “suea saresera”: impareggiabile!

    Piace a 1 persona

    1. Tua nonna è una buongustaia e tu sei il suo degno nipote. Concordo con la frutta colta e mangiata sull’albero… ma anche la marmellata, ops confettura non è male. Tu ne sai qualcosa…

      "Mi piace"

  2. Ciao Ada buongiorno !
    La tua poesia culinaria ha conquistato le amiche “italiane all’estero” : ci fai gustare la vita di tutti i giorni , grazie.

    "Mi piace"

  3. Arrivano via via altri commenti ….

    “Buongiorno a voi, si certo la portulaca si mangia, in arabo si chiama فرفحينه, ‘farfaheni’, mia suocera la cucinava con le cipolle, come ‘khobbezi’, molto buona! “

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: