Cronaca troppo nera

Ci sono delle notizie così brutte che non si dovrebbero sentire né leggere… però la cronaca nera sovrasta la bianca e non ci resta che prenderne atto, sperando che almeno diminuiscano, come il caldo che prelude a un allarme climatico. Mi riferisco a quanto successo in un asilo a Lione, dove una bimba di undici mesi è morta perché lasciata nelle mani incaute di una educatrice 27enne che le avrebbe fatto ingerire un prodotto caustico per farla smettere di piangere. “Non voleva ucciderla – ha aggiunto il suo legale – la bambina non smetteva di piangere e ha perso completamente e stupidamente il controllo”. Povera piccina, al suo primo ingresso alla scuola per l’infanzia, aveva tutte le ragioni per non sentirsi a proprio agio fuori di casa! Resto esterrefatta al pensiero che ci siano persone tanto fragili in posti così importanti, da non credere. Non oso immaginare i sensi di colpa che proveranno i genitori della piccola Lisa, origini italiane, all’idea di non aver colto il pericolo al momento della consegna e dell’affidamento della loro creatura. Si sa che la mente umana è solo parzialmente conoscibile, però un controllo dei nervi in persone che lavorano a contatto di minori e/o anziani specie se disabili dovrebbe essere obbligatorio e costante. Poi le disgrazie succedono comunque, perché la vita segue un suo copione tra la commedia, la farsa e la tragedia. Non essere attori malvagi potrebbe sgomberare il palco da responsabilità pesanti. Alla puericultrice dell’asilo privato “People & Baby”, accusata di omicidio volontario, mi auguro sia impedito di svolgere un lavoro a contatto di minori. E di essere curata come si deve.

4 pensieri riguardo “Cronaca troppo nera”

  1. Questa notizia mi è nuova e mi lascia senza parole!!!!! Povera bimba chissà che atroci sofferenze avrà patito.Robe da matti!!! Io farei a questa educatrice la stessa cosa che ha fatto lei con la piccola !! Lo so ,sono cattiva ,ma queste cose non possono succedere.Buon pomeriggio!!!😥😥😥

    Piace a 1 persona

    1. Non può essere che una persona così instabile fosse nel posto sbagliato! Circa vent’anni fa, a scuola venne una insegnante…che aveva buttato il figlio nel Brentella! Eppure saliva in cattedra, col terrore delle mamme dei suoi alunni. Per fortuna durò poco, non seppi il dietro le quinte ma mi ricordo la grande tensione che girava di qua e di là della cattedra. Sintetizzo: la prudenza non è mai troppa! Ciao Lucia, stiamo al fresco finché dura la calura! 🤣

      "Mi piace"

  2. In quasi quarant’anni di ruolo nella scuola italiana ho avuto modo di conoscere colleghi “fragili”…Il reclutamento basato sulle competenze disciplinari l’ho sempre ritenuto insufficiente e inadeguato ma…chi è in grado lo vuole effettivamente cambiare? Più competenze, più capacità, soprattutto relazionali, hanno ricadute stipendiali e questo sembra indigesto ai piani alti. E poi sono arrivata al punto di pensare che, chi di dovere, fatti di questo genere li facciano passare per “effetti collaterali” perché (in percentuale) sono, fortunatamente dico io, irrilevanti. E nel privato dove non è ben chiaro chi è come si facciano i controlli come vengono “cresciuti” i nostri /vostri “figli/nipoti”?

    Piace a 1 persona

    1. Brava Antonietta! Il tuo commento dovrebbe sconvolgere qualcuno, soprattutto dei piani alti ma anche nel privato. Non so come stiano effettivamente le cose…voglio sperare che la distrazione/omissione dei controlli non sia studiata a tavolino per contenere le spese. Educare rimane una delle attività più difficile, di cui oggi c’è carenza di mezzi e di persone. Non viviamo bei tempi, stare in campana è doveroso. Non mi rammarico di essere nella fase del tramonto, temo che i nostri figli dovranno sgomitare molto più di noi!…goditi ciò che puoi! Un abbraccio 🧡

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: